| Ordinanze | Uff. Contravvenzioni | Sinistri & Rapporti | Modulistica | Venatori | Porto d'armi |
| G.E.V. |

POLIZIA MUNICIPALE  

 Presentazione
 Organizzazione
 Orari
 Normative
 Contatti

UFFICIO AMMINISTRATIVO 

 Denunce
 Cessione di fabbricato

VERBALI E RICORSI
Cosa sono
Cosa fare 

 Avviso di Infrazione
 Verb. di contestazione
 Pagamenti
 Ricorsi
 Ordine di ingiunzione

LA CARTELLA ESATTORIALE 

 Normativa
 Come si legge
 Pagamenti
 Ricorsi

Art. 203/3° comma del Codice della Strada - Qualora nei termini previsti (sessanta giorni), non sia stato proposto ricorso o non sia avvenuto il pagamento in misura ridotta, il verbale di contestazione costituisce titolo esecutivo per una somma pari alla metà del massimo della sanzione amministrativa edittale oltre alle spese di procedimento.

Art. 204 del Codice della Strada - Qualora sia stata emessa l'Ordinanza Ingiunzione del Prefetto e, trascorso inutilmente il termine per il pagamento della sanzione amministrativa (trenta giorni), il provvedimento costituisce titolo esecutivo per l'ammontare della somma ingiunta e delle relative spese.

Art. 27 legge 24/11/1981 n° 689 - Decorso inutilmente il termine fissato per il pagamento dell'Ordinanza Ingiunzione, l'Autorità che ha emesso il provvedimento procede alla riscossione delle somme dovute in base alle norme previste per l'esazione delle imposte dirette.

NOTA - Per il Codice della Strada, dove il verbale è già da solo titolo esecutivo, il mancato pagamento nei termini (pagamento in misura ridotta), produce l'applicazione della sanzione pecuniaria pari alla metà del massimo edittale, che viene esposta al trasgressore attraverso la notifica di una Cartella Esattoriale redatta dal Concessionario locale alla riscossione dei tributi. Il ruolo esattoriale è, allo stato attuale, annuale cioè viene predisposto per la stampa delle Cartelle di pagamento una volta all'anno, tenendo conto che il diritto a riscuotere le somme dovute per le violazioni indicate nella L. 689/81 si estingue nel termine di 5 anni, salvo i casi di interruzione regolata dal Codice Civile.